Social
Sapzio Soci_lan

Bottone IL NOTIZIARIO

btn convenzioni
 

Diventare socio

Perché diventare socio?
Nell’esercizio della sua attività, La BCC di Riano si ispira ai principi cooperativi della mutualità senza fini di speculazione privata; essa ha lo scopo di favorire i soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione e l’educazione al risparmio e alla previdenza.

Posso diventare socio?
Possono essere ammessi a socio le persone fisiche e giuridiche, le società di ogni tipo regolarmente costituite, i consorzi, gli enti e le associazioni che risiedono o svolgono la loro attività in via continuativa nella zona di competenza territoriale della Banca. Per le persone giuridiche si tiene conto dell’ubicazione della sede legale, della direzione, degli stabilimenti o di altre unità operative. Per zona di competenza si intendono i Comuni dove la Banca ha istituito proprie filiali e quelli limitrofi.
Clicca qui per visualizzare il Bacino Territoriale

Come divento socio?
Chi desidera diventare socio deve presentare domanda scritta di ammissione presso l’ufficio soci della sede o una qualsiasi delle filiali della Banca; la domanda verrà inoltrata al Consiglio di Amministrazione per la relativa approvazione o rigetto, che deve avvenire entro il termine di novanta giorni dal ricevimento della domanda stessa.

Quando divento socio?
Dopo l’accoglimento da parte del Consiglio di Amministrazione della domanda di ammissione a socio, l’aspirante socio ha tempo 60 giorni dal ricevimento della comunicazione da parte dell’ufficio soci, per versare integralmente l’importo dell’azione sottoscritta e del sovrapprezzo. Dopodiché l’ufficio soci, provvede a comunicare all’interessato la delibera di ammissione e l’annotazione sul libro soci. La qualità di socio si acquista a far data dalla annotazione predetta.

Quanto mi costa diventare socio?
Ciascuna azione della Banca ha un valore unitario nominale di 2,58 euro più un sovrapprezzo pari a € 800,00 per gli aspiranti socio con età pari o inferiore a 35 anni, o € 1.655,00 per gli aspiranti socio con età superiore a 35 anni; per diventare socio occorre sottoscrivere 1 azione, per una spesa globale pari a € 802,58 ( età inferiore a 35 anni) o € 1.657,58 ( età pari o superiore a 35 anni)
Clicca qui per scaricare la Scheda Informativa Azioni
La presente scheda informativa è a disposizione della clientela che intende sottoscrivere o acquistare azioni della Banca.
La scheda costituisce l’elemento portante degli ulteriori presidi di trasparenza nei confronti della clientela che, in un’ottica di autoregolamentazione responsabile, il Credito Cooperativo ha ritenuto di adottare a seguito del pronunciamento Consob in merito alla riconducibilità delle azioni delle BCC nel novero degli strumenti finanziari.


Da cosa risulta la mia qualità di socio?
A tutti i richiedenti ammessi a socio viene rilasciata l’attestazione di sottoscrizione della partecipazione azionaria.

Quali sono i miei diritti di socio?
I soci esercitano i seguenti diritti sociali e patrimoniali:
- intervengono in assemblea ed esercitano il diritto di voto;
- hanno diritto di usufruire dei servizi e dei vantaggi offerti dalla Banca ai propri soci nei modi e nei limiti fissati dai regolamenti e dalle deliberazioni sociali.

Quali sono i miei doveri di socio?
I soci hanno l’obbligo di osservare lo statuto, i regolamenti e le deliberazioni degli organi sociali e di collaborare al buon andamento della Banca, operando con essa, partecipando all’assemblea e favorendo in ogni modo gli interessi sociali.

Ci sono delle limitazioni all’acquisto della qualità di socio?
Non possono far parte della Banca gli interdetti, gli inabilitati, coloro che non siano in possesso dei requisiti di onorabilità determinati ai sensi dell’art. 25 del D.L. 1 settembre 1993, n. 385, i falliti nonché coloro che siano assoggettati a liquidazione coatta amministrativa. Non possono altresì far parte della Banca coloro che, a giudizio del Consiglio di Amministrazione, siano gravemente inadempienti verso la Banca o che abbiano costretto quest’ultima ad atti giudiziari per l’adempimento di obbligazioni da essi assunte nei suoi confronti.